SEGUICI SU FACEBOOK, DIVENTA FAN DI ASD NAL!

Prova sul campo: Pinnette Aqua Sphere Alpha Fins


Pinnette Aqua Sphere Alpha Fin

Le Alpha Fin di Aqua Sphere sono un prodotto che differiscono totalmente dalle tradizionali pinnette, hanno un design originale e sono realizzate in EVA espanso (etilvinilacetato), consentendo alcuni vantaggi.


Prime considerazioni

logo_arenaGrazie al materiale utilizzato, l’EVA espanso, le Alpha Fin sono leggerissime ed estremamente elastiche, non affondano in acqua e si adattano al piede.
Il design è originale, anatomico, lascia il tallone libero, il dorso è a forma di “petalo” con un ampia superficie piatta direttamente a contatto con l’acqua per la fase di propulsione delle gambe. La pianta presenta alcuni fori di deflusso dell’acqua.
Il produttore realizza diverse taglie che consentono di trovare la misura più adatta ai propri piedi.

pinne alpha fin aqua sphere viste di profilo e dall'alto particolare del dorso delle pinne alpha fin aqua sphere pinne alpha fin viste di lato
pianta delle pinne alpha fin aqua sphere pianta delle pinne aqua sphere alpha fin tallone delle pinne alpha fin aqua sphere

Alcuni particolari delle pinnette Aqua Sphere Alpha Fins

Trovare la propria taglia è semplice, le misure vanno dal 33 (XXL) al 47 (XL) ed indossarle è semplice, il passante dietro il tallone è comodo e la sensazione del tallone libero è positiva.
La vestizione risulta ancora più semplice se i piedi sono a mollo.
Ai piedi, le Alpha Fin sono morbide e confortevoli, leggerissime tanto da non percepirle se non le prime volte perché devono prendere la forma.

Prova in acqua

L’elasticità delle pinnette si avverte immediatamente dalle prime gambate, la propulsione è ottimale. Il materiale leggero consente un miglior assetto del corpo.
I talloni sono completamente liberi a vantaggio del gesto atletico, si percepisce l’ottimo appoggio del dorso del piede, costantemente in spinta durante la fase di propulsione. Si sentono i muscoli del quadricipite lavorare completamente.
Durante la fase di recupero della gamabata la pinna si presenta molto elastica, non frena il movimento e non si avvertono le rigidità consuete con le pinne tradizionali ed anche con le mezze-pinne. La sensazione durante l’utilizzo è molto positiva.

Aspetti negativi

Va tenuto presente che l’innalzamento dei piedi determinato dalle pinne, pur a vantaggio dell’assetto del corpo in acqua, richiede cautela per quei nuotatori con scarsa galleggiabilità degli arti inferiori perché può stravolge bruscamente la postura ed un necessario adattamento della propria nuotata.

Suggerimenti

Si consiglia di norma una taglia più piccola rispetto alla vostra misura del piede, questo perché la Alpha Fin si modella al piede e tende leggermente a cedere.
Le prime volte che si utilizzano le Alpha Fin è sempre meglio coprire brevi distanze per adattarsi allo strumento e prenderci confidenza, in particolare se si sceglie fare nuoto completo e non solo gambe.
Se le acquistate evitate di prestarle ad altri perché si potrebbe compromettere la forma interna e di conseguenza la vestibilità ai propri piedi.
Una piccola mancanza è l’assenza di una sacca a rete, comoda per tenere e trasportare le pinne anche quando bagnate.

Conclusioni

Dopo essersi adattato al proprio piede la Alpha Fin lascia un’impressione decisamente positiva ed adatta per tutti gli stili di nuotata, eccetto quello a rana ovviamente.

Tabella di valutazione

Qualità star-5

Voto medio 4,6 su 5

Design star-5
Prestazione star-4
Prezzo di segmento star-4
Prezzo/Qualità star-5

Sito Produttore: Aqua Sphere

Cosa ne pensate? Sono graditi commenti…

Articoli correlati:

  1. Prova sul campo: SwimBee
  2. Prova sul campo: Palette TYR Catalyst Brites
  3. Prova sul campo: SwimBee 2011
  4. Prova sul campo: Occhialini TYR Socket Rockets 2.0
  5. Rashguard di Aqua Sphere, la maglia per il nuoto
  • Aggiungi ai Preferiti e Condividi Online

9 Commenti

  1. Andrea scrive:

    Le ho acquistate ieri. Vanno molto bene e le uso per fare gambe con la tavoletta in piscina. Si sente lavorare molto le gambe pur essendo delle pinnette molto leggere.
    Un saluto!

  2. Massimiliano scrive:

    Le uso dall’autunno 2011 e ormai non posso quasi più farne a meno.
    Prima usavo le mezze pinnette standard e queste, soprattutto a livello di morbidezza, leggerezza e sensibilità sono tutt’altra cosa, fin quasi a dimenticarti di averle calzate. Ormai ci sono talmente abituato che senza togliermele, da buon appassionato di fondo, arrivo a coprire anche 10K senza accusare alcun dolore o indolenzimento.
    Davvero un buon prodotto innovativo.
    Saluti a tutti.

  3. Luigia scrive:

    Le ho provate, sinceramente non servono a niente, non spingono, anzi la pala si piega durante la fase di spinta.

  4. massimiliano scrive:

    Sapreste indicarmi dove acquistare le Alpha fins a Roma?
    grazie

  5. Amministratore scrive:

    Caro Massimiliano,
    ti consigliamo di contattare il produttore e domandare direttamente a lui, sicuramente ti saprà indicare dove poterle acquistare.
    I riferimenti li trovi sul sito ufficiale di Aqua Sphare

    Staff NAL

  6. Alessio scrive:

    Sono pinne di straordinaria leggerezza ma come dice Lucia la pala tende a piegarsi e a spingere contro le dita del piede. Devono essere migliorate a mio parere.

  7. Giovanna scrive:

    Io le ho da qualche mese e sinceramente dopo che mi hanno insegnato come utilizzarle ho dovuto rivedere un mio primo giudizio di perplessità.
    Sì, sono pinnette che flettono in punta appositamente per far lavorare meglio la gambata e non per andare più veloci come invece nascono le pinne e mezze pinne. Questa è la spiegazione che mi ha dato il mio allenatore.
    Per quanto riguarda la scomodità di calzata che Alessio riferisce, io l’ho avuta solo le prime volte, fino a quando le pinnette hanno preso la forma del mio piede adattandosi adesso come un guanto. Credo che sia addirittura sconsigliabile prestarle per non perdere la vestibilità.
    Giovanna

  8. Migabri scrive:

    Io ormai sono anni che le uso e le alterno ad altre pinne, però sono un nuotatore amatoriale le ho comprate solo perché ogni tanto cerco qualche accessorio nuovo per stimolarmi: non posso dare un giudizio tecnico sulla loro utilità ai fini della competizione ma nel mio caso contrariamente ad altri di cui ho letto i commenti sopra io “spingo” e vado anche “veloce” a solo gambe e senza tavoletta, il movimento di pinnata mi risulta fluido e contrariamente alle altre pinne o mezze pinne mi permettono di tenere le gambe più vicine in modo simile a quando nuoto a “piede libero”; forse favoriscono la spinta di quadricipite a scapito del lavoro della muscolatura posteriore sia in posizione prona che supina, con altre pinne sfrutto più polpaccio e femorale.

  9. Andrea scrive:

    Le ho comprate un anno fa. Con tutta la titubanza iniziale ho dovuto cambiare opinione: sono fantastiche e la gamba lavora benissimo. Peccato che dopo qualche mese si è rotto un laccio di una pinna, dopo però averle sfruttate, ma ho rimediato con un pratico nastro adesivo telato impermeabile.
    Finché tengono le uso fino alla fine, dopo le ricomprerò, ne vale la pena ;)

Lascia un commento